Motori elettrici, riduttori, attuatori lineari, martinetti e rinvii
MOTOINVERTER: E’ SOLO QUESTIONE DI RISPARMIO?

MOTOINVERTER: E’ SOLO QUESTIONE DI RISPARMIO?

MOTOINVERTER NERIDRIVE

 

Oramai è consuetudine iniziare l’articolo dando delucidazione dei punti che andremo ad argomentare:

  1. INVERTER: VENDITA LEGATA A CRITERI DI RISPARMIO
  2. COME REALIZZARE UN INVERTER DI ALTA QUALITA’?
  3. LA PROPOSTA DI NDR SRL: NERI MOTORI. VANTAGGI + ASPETTO DEL PRODOTTO + VERSIONI
  4. AMBITI DI APPLICAZIONE E TIPOLOGIE DI CONTROLLO
1. INVERTER: VENDITA LEGATA SOLO A CRITERI DI RISPARMIO?

Uno dei fattori di traino nella vendita dei moto inverter, in particolare negli ultimi anni, è la sempre più sentita necessità di massimizzare l’efficienza energetica. Infatti, grazie all’azionamento dei motori alla velocità necessaria, si ottiene una sensibile riduzione dei consumi energetici (vedi sotto, tabelle Neri Motori).

INCIDENZA DEI COSTI SU MOTORE IE1 (PRIMA COLONNA) – IE4 (SECONDA COLONNA)
                                          

La tabella mostra gli €/anno risparmiati sostituendo un motore IE1 con un motore ad alta efficenza IE2, IE3, IE4

Si tratta, però, solo del fattore più evidente e percepibile nel breve periodo. È importante ricordare come, nella valutazione di un simile elemento, devono essere considerati anche fattori di medio e lungo termine che, in molti casi, hanno un’ importanza superiore rispetto a quelli immediati. L’inverter offre il vantaggio di migliorare i processi produttivi, sfruttando al meglio la velocità delle singole macchine e dei motori. È un aspetto che assume un’ importanza fondamentale e nella durata di simili apparecchiature e nella qualità delle lavorazioni. UTILIZZO MOTORE VELOCITA’ MAX = + CONSUMO, + USURA. Dunque, l’impiego di un inverter ha implicazioni significative sulla gestione di un motore e sulla linea produttiva in generale. Per questa ragione il criterio di scelta non deve essere limitato al solo ritorno economico di breve termine.

TIPICO ERRORE: Purtroppo, in molti casi, si preferisce acquistare un prodotto di basso costo, nella speranza che questo garantisca le stesse funzioni di una soluzione di qualità. E’ un errore spesso sottovalutato, soprattutto per quanto riguarda l’affidabilità dell’intera linea produttiva, che è data dalla somma dell’affidabilità dei singoli componenti. Aggiungere un inverter, come qualunque altra macchina, fa aumentare il
rischio di guasti. Basterebbe questa riflessione per comprendere quanto sia importante investire su prodotti di qualità, in quanto poche ore di fermo di una linea costano molto di più del risparmio ottenibile con un prodotto “economico”.

2. COME REALIZZARE UN INVERTER DI ALTA QUALITA’?
  • A) componentistica opportunamente dimensionata
  • B) test severi su ogni singolo prodotto.

A) Alcuni produttori, per contenere i costi, implementano elementi con caratteristiche elettriche inferiori a quelle effettivamente necessarie. Sono così realizzati inverter sottodimensionati che, in caso di problemi sulla linea elettrica, non sono in grado di proteggere adeguatamente i motori. Senza dimenticare che, quando un elemento opera al limite delle proprie possibilità, corre maggiori rischi di andare incontro a problemi di affidabilità, aumentando così la probabilità di guasto.
B) La filosofia Neri Motori è quella di garantire il controllo dei propri prodotti così da soddisfare tutte le esigenze di affidabilità.

3. LA PROPOSTA DI NDR SRL: NERI MOTORI –>VANTAGGI + ASPETTO DEL PRODOTTO + VERSIONI
Vantaggi e INTERFACCIA UOMO – MACCHINA:

 

 

  • Idoneo per progetti Industria 4.0
  • Migliore efficienza del sistema e risparmio energetico
  • Semplicità di installazione e configurazione dei parametri
  • Filtro EMC per ambiente industriale C3 e domestico C2 
  • Elevata coppia di spunto – Sovraccarico fino al 150%
  • Ottimizzazione del fattore di potenza (Cos φ)
  • Programmazione multi-velocità
  • Funzione soft-starter
  • Regolazione della velocità e rapida inversione di marcia
  • Rampe di accelerazione / decelerazione impostabili separatamente
  • Software ottimizzato per aumentare il rendimento di potenza a 87 Hz
  • Frequenza di Carrier fino a 15 kHz per ottimizzare prestazioni e silenziosità
  • Protocollo di comunicazione MODBUS per collegare PC / PLC / interfacce di controllo
  • Controllo inverter sensorless in modulazione vettoriale SVM (basso THD e armoniche)
  • Elettronica isolata per la connessione di PLC o centraline
  • Possibilità di riavvio automatico in caso di intervento delle protezioni
  • Scatola inverter predisposta per avere fino a sette ingressi / uscite per cavi, sensori, interruttori, potenziometri, ecc.
  • Progettato e prodotto in Italia
  • Software e Hardware personalizzati ad hoc sulla applicazione Cliente.

QUALI SONO LE PROTEZIONI OFFERTE?

  1. Protezione termica
  2. Sovracorrente
  3. Sovratensione
  4. Eventuali errori di comunicazione sul bus RS-485 (vedi immagine)
  5. Tramite la misura del fattore potenza si impedisce il sovraccarico del motore

COME SI GESTISCONO GLI ERRORI?

Abbiamo sopraenunciato le protezioni presenti sull’inverter per salvaguardare sia lo stesso da guasti sia il motore da malfunzionamenti. In caso di eventuale errore, esiste la possibilità di programmare il numero di riavvii automatici e il tempo che deve intercorrere tra un riavvio e l’altro.
Naturalmente tramite il display/terminale di programmazione (vedi foto) sarà possibile modificare le soglie per le protezioni e velocizzare l’intervento di assistenza, offrendo oltretutto uno storico degli andamenti; si possono visualizzare i dati elettrici e meccanici del motore in tempo reale, ed è utilizzabile con più inverter.

 

Aspetto del prodotto:

 

4. AMBITI DI APPLICAZIONE E TIPOLOGIE DI CONTROLLO

APPLICAZIONI:

  1.  SETTORE ALIMENTARE.
    Controllo MULTIVELOCITA’: Tastierino 2-4-6 tasti / PLC / potenziometro
    esterno;
    4 ingressi digitali:
    a) Modalità potenziometro con regolazione diretta della velocità 
    b)
    4 velocità (preimpostate o definite dal cliente) 
    c)
    2 velocità AVANTI e 2 velocità INDIETRO 
    d)
    Velocità cumulative max 15 (es. 100, 200, 400, 800 fino, ad es., a 1500 rpm) + 1 INGRESSO ANALOGICO-  POTENZIOMENTRO PER REGOLARE. LA VELOCITA’ ENTRO UN RANGE FISSATO
  2. SMIELATORI
  3. IMPASTATRICI
  4. MISCELATORI
  5. MOVIMENTAZIONE/NASTRI TRASPORTATORI. Controllo autoritenuta/self-hold: tastierino 2-4-6 tasti / PLC / potenziometro esterno. Funzionamento continuo o marcia ad impulso + 1 ingresso analogico – potenziometro, per regolare la velocità entro un range fissato.

  6. LEVIGATRICI
  7. VERNICIATURA: CONTROLLO RECIPROCATORE.Tastierino 2-4-6 tasti / PLC / potenziometro esterno:
    • START: funzionamento andata e ritorno
    • STOP IN FASE: si ferma al termine del ciclo
    • Applicazione con finecorsa
    • 1 ingresso analogico – potenziometro per regolare la velocità entro un range prefissato.

  8. AUTOMAZIONE PROCESSI INDUSTRIALI
  9.  RISCALDAMENTO/VENTILAZIONE/REFRIGERAZIONE.Controllo potenziometro: Tastierino 2-4-6 tasti / PLC / potenziometro esterno
    • START / STOP
    • FORWARD / REVERSE
    • Regolazione diretta della velocità (funzionamento da potenziometro)
    • Range di velocità definito dal cliente
    • Rampe di accelerazione e frenata preimpostate o settabili

     

  10. COMPRESSORI
  11. IMPIANTI PRODUZIONE VINO
  12. STUFE A PELLET/CALDAIE
  13. POMPA.

Controllo MASTER/SLAVE: Tastierino 2-4-6 tasti / PLC /potenziometro esterno. Funzionamento con più motoinverter in parallelo

Di seguito vi riporto il link NERI MOTORI SRL sui loro motori con inverter.

Per approfondimento: https://www.nerimotori.com/it/prodotti/motoinverter-serie-neridrive

Per informazioni ulteriori: serena@ndr.it oppure su LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/serena-cosaro/

Serena Cosaro