Attuatori lineari elettrici

Versioni attuatori lineari elettrici:

Sono disponibili 3 versioni di attuatori lineari elettrici


Specifiche tecniche e prestazioni:

  • Potenze  fino a 50.000 N
  • Velocità lineare fino a 230 mm/s
  • Alimentazione in corrente continua 12V – 24V – 36V
  • Alimentazione in corrente alternata monofase 220/50Hz
  • Alimentazione in corrente alternata motori elettrici trifase 230/400-50 Hz 230/400-60Hz
  • Dispositivi di fine corsa e controllo della corsa
  • Vite TPN
  • Vite a ricircolo di sfere VRS
  • Conformi alla direttiva ATEX

Hai bisogno di attuatori elettrici?

Invia una richiesta d’offerta, senza alcun impegno

Richiesta prezzo


Cosa sono gli attuatori lineari elettrici e a cosa servono ?

Gli attuatori lineari elettrici sono dei dispositivi elettromeccanici che trasformano il moto rotatorio di un motore elettrico in un moto lineare dell’asta.
Sono utilizzati in diverse applicazioni  principalmente in sollevamenti, posizionamenti o aperture in diverse applicazioni; allestimento veicoli, portavalori, solare, impianti siderurgici, macchine alimentari, confezionamento e imballaggio, cannoni d’innevamento, macchine agricole, attrezzature per disabili e anziani, impianti nel settore medicale etc.

Quali sono i principali componenti degli attuatori elettrici ?

attuatori lineari elettrici

Motorizzazione

Le motorizzazioni disponibili sono diverse e variano anche in base alla taglia di attuatore e alla coppia o velocità. Principalmente motori in corrente continua o motori in corrente alternata. In alcune applicazioni e possibile che i motori siano dotati di un freno di stazionamento,  è indicato in applicazioni dove si richiede un’attuatore irreversibile e in applicazioni con ripetuti ON/OFF.

Meccanismo di riduzione

Disponibili diversi meccanismi di riduzione, il più utilizzato è quello a vite senza fine. Si possono avere anche riduttori ad ingranaggi, a cinghia o a coppia conica

Meccanismo di traslazione

Solitamente steli con filettatura trapezoidale in acciaio ottenuto con processo di rullatura i  quali sono accoppiati a madreviti in bronzo. Se richiesto dall’applicazione è possibile avere anche viti a ricircolo di sfere VRS, rullati e temprati, accoppiati a madreviti (o chiocciole) temprate e rettificate.

Dispositivi per il controllo

Agli attuatori elettrici è possibile abbinare diversi dispositivi  per il controllo della corsa:

  • Finecorsa meccanici integrati a microswitch ad un contatto di scambio (regolabili)
  • Finecorsa magnetici, sensori fissati sul canotto che leggono in campo magnetico generato da un’anello magnetico fissato sulla madrevite dell’attuatore (regolabili)
  • Finecorsa con sensori induttivi, sensori induttivi e sono fissati sul canotto ( non regolabili)
  • Potenziometro costituisce un riferimento assoluto, in questo caso vi possono essere limitazioni della lunghezza della cora
  • Encoder incrementale  montato sul motore elettrico oppure sul gruppo riduttore, l’encoder trasforma il movimento rotatorio del motore in impulsi elettrici digitali

Attacchi anteriori e posteriori

Su tutti gli attuatori lineari sono disponibili diversi attacchi anteriori e posteriori, a richiesta si eseguono attacchi a disegno.

Dispositivo antirotazione

Il dispositivo antirotazione è realizzato tramite un pattino sagomato che si impegna nella scnalature interne del cannotto, è obbligatorio in quelle applicazioni dove il carico non è vincolato o nel caso si utilizzano attacchi anteriori a filetto femmina o maschio.
In dispositivo è consigliato su attacco con testa a snodo.

Chiocciola di sicurezza

Si tratta di un dispositivo che consente il controllo dell’usura della madrevite, prevenendo la caduta del carico. La chiocciola di sicurezza impedisce che l’asta traslante rientri o fuoriesca improvvisamente in caso di rottura della madrevite di lavoro.

Come dimensionare un’attuatore elettrico?

Per dimensionare correttamente un’attuatore lineare elettrico è indispensabile conoscere alcuni dati dell’applicazione dove è richiesta l’installazione:

  • Alimentazione disponibile
  • Carico da muovere
  • Corsa utile
  • Velocità di traslazione lineare
  • Fattore di servizio
  • Ciclo di carico
  • Quale controllo da usare

In base alla configurazione che si ottiene bisogna tenere in considerazioni alcuni fattori che possono influire sul corretto funzionamento;

  • Condizioni ambientali
  • Eventuali carichi radiali

Inoltre bisogna tener presente che gli attuatori elettrici e i riduttori sono dispositivi destinati ad essere integrati in macchinari più complessi: non possono quindi essere considerati componenti di sicurezza (ai sensi dell’art.1 della Direttiva CE 89/392 e relative integrazioni-direttive CE 91-368,93/44,93/68) non sono componenti aventi lo scopo di assicurare, con il loro utilizzo, una funzione di sicurezza e il cui guasto o cattivo funzionamento pregiudica la sicurezza e la salute delle persone esposte.

Irreversibilità e Reversibilità negli attuatori elettrici

Quando si parla di irreversibilità s’intende che gli attuatori lineari  possono mantenere la posizione di un carico applicato in assenza di alimentazione.
La reversibilità e l’irreversibilità sono determinate dall’influenzata da diversi fattori quali lo stato di usura dei rotismi (rodaggio), dal tipo di carico, dalla presenza di vibrazioni, dalla posizione di montaggio, rapporto di riduzione  del riduttore ecc. La reversibilità in un attuatore lineare elettrico ne limita la precisione e la ripetibilità per il posizionamento.

E’ possibile aumentare l’irreversibilità dell’attuatore elettrico con diversi accorgimenti; con motori asincroni è possibile installare un motore  autofrenante, mentre  per il motore in corrente continua a magneti permanenti, cortocircuitando le connessioni motore quando l’attuatore non è alimentato.

NDR SRL

Tel + 39 04451925212
Lun-Ven:
08:30-12:3o
14:30 -18:30

Follow Us

Newsletter

Back to Top